L'Artrite Psoriasica

L'Artrite Psoriasica (AP) è una patologia articolare dolorosa e progressiva, spesso causa un danno articolare grave con riduzione funzionale e peggioramento della qualità della vita.

Oggi si stima che l'artrite psoriasica colpisca circa il 20-40% dei pazienti affetti da psoriasi. Fra i pazienti che sviluppano l'AP, almeno il 20% peggiora verso la forma più severa di distruzione delle articolazioni.

L'AP viene diagnosticata secondo i criteri di classificazione dell'artrite psoriasica (CASPAR). I criteri CASPAR valutano la storia familiare e personale per la patologia, la negatività del fattore reumatoide, la presenza di psoriasi ungueale e di segni d'infiammazione articolare. La diagnosi spesso può essere più difficile perché si sovrappongono sintomi di altre patologie articolari, così come la variabilità clinica dei pazienti; per questo motivo, è possibile che l'effettiva prevalenza di AP nei soggetti affetti da psoriasi sia sovrastimata.

Attualmente, le terapie approvate dalla FDA per il trattamento dell'AP sono efficaci soprattutto nel controllare l'infiammazione ed arrestare la distruzione articolare, ma sono inefficaci per la regressione del danno articolare già presente; perciò, è molto importante identificare i pazienti psoriasici con un alto rischio di sviluppare una AP prima che compaiano i sintomi articolari.

I sintomi dell'AP si sviluppano tipicamente nei dieci anni successivi alla comparsa della psoriasi a livello cutaneo; quindi, i dermatologi possono valutare l'AP unicamente ne pazienti affetti da psoriasi.

Prima dell'introduzione del test genetico DermaGenoma per l'Artrite Psoriasica, il paziente con AP veniva identificato solo dopo l'insorgenza delle manifestazioni dell'artrite infiammatoria. Una volta che i sintomi articolari si erano presentati, il paziente aveva già un più alto rischio di essere affetto da un danno articolare significativo.